• Item 01

    "Il tono posturale si adatta a qualsiasi trasformazione della posizione relativa al corpo..."
    Rodolfo Magnus
  • 1
Lunedì, 19 Ottobre 2015 11:04

L'impianto a carico immediato

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

L ’impianto dentale più comunemente utilizzato è una semplice vite in titanio che lo specialista innesta nell’osso mascellare o mandibolare posizionando, di fatto, una radice artificiale. Su questa viene poi fissato un dente appositamente modellato. La tecnica implantologica più antica e tuttora validissima, anzi oggi molto di mo - da, è quella definita a “carico immediato”. Per questa, l’intervento generalmente non prevede l’incisione della gengiva e la relativa sutura. Il posizionamento av - vie ne attraverso un piccolo foro della gengiva opportunamente anestetizzata e l’impianto si avvita nell’osso ricevente. Fatto questo, non resta che posizionare il dente opportunamente modellato e l’intervento è praticamente finito.

Tutto ciò in tempi molto contenuti, senza dolore e con postumi praticamente assenti in quanto la ferita chirurgica è limitata al piccolo foro di introduzione iniziale. L’intervento offre una immediata funzionalità estetica e masticatoria, e il paziente può da subito consumare un pasto normale con cibi di media consistenza, se pur con logica gradualità. Di solito nell’arco di poche settimane la funzione neuromuscolare dell’occlusione e della masticazione è sufficientemente ripristinata. Tale immediatezza di esecuzione e di risultato presuppone, però, un preventivo e accurato studio di ogni specifico caso. Devono essere valutati con la massima attenzione la con dizione dell’osso su cui va effettuato l’innesto degli impianti, il rapporto posturale di chiusura dei denti presente prima dell’intervento e la pianificazione di un’adeguata occlusione finale che dev’essere corretta soprattutto dal punto di vista funzionale biomeccanico e posturale. Si tratta di una progettazione attraverso la quale vanno determinate le forze che agiranno sul sistema dentale, in modo da escludere carichi scorretti per entità e direzione che possono interessare parti della dentatura e dell’osso di sostegno, che di solito sono la causa delle più diffuse patologie di denti e gengive. Molti pazienti chiedono informazioni sull’eventualità di “rigetto” degli impianti. Non esiste rigetto nei confronti del titanio, metallo biocompatibile a tutti gli ef fetti. Se l’impianto si perde dopo mesi o anni dal suo posizionamento, le cause sono verosimilmente riconducibili a una situazione funzionale occlusale non congrua. Questa evenienza è comunque facilmente evitabile sottoponendo il sistema ma - sticatorio a periodiche visite di controllo funzionale biomeccanico. 

Letto 1289 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Giugno 2018 10:44
Altro in questa categoria: « Il mal di testa può venire dai denti

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
div>